Violante Placido: “amo sperimentare look sempre diversi”

Violante Placido, figlia di Michele, ha seguito fin dall’adolescenza le orme del padre, dedicandosi al cinema.


Il primo ruolo di rilievo è in Jack Frusciante è uscito dal gruppo, successivamente recita in Ora o mai più, Che ne sarà di noi, Ovunque sei. Nel 2010 recita accanto a George Clooney nel film The American e nel 2012 in Ghost Rider con Nicholas Cage. Nel 2006 debutta come cantante con il nome Viola, nel 2014 canta sul palco di Sanremo con i Perturbazione. Dalla relazione con Massimiliano D’Epiro ha avuto il figlio Vasco.

“Lo ammetto, ho paura di invecchiare“, rivela, ma poi spiega meglio, aggiungendo di prendere forza da molte persone anziane che hanno più spirito e più voglia di vivere di tanti suoi coetanei. Punta il dito contro i modelli di bellezza del giorno d’oggi, che rimandano a una perfezione non umana: “Siamo in competizione con un mondo che non è reale, ormai è diventato normale utilizzare i programmi di ritocco anche su modelle di vent’anni appena e tutto questo è molto rischioso perché”.

Violante Placido ricorre alle creme per arginare i primi segni di invecchiamento ma punta il dito contro la chirurgia estetica in merito a cui è di base contraria. “Io ho una pelle molto delicata e la nutro sempre. Il rossetto è la cosa che più mi fa sentire donna mentre il borotalco mi ricorda di quando ero bambina“. L’attrice ricorda che da piccola aveva due modelli di bellezza femminile: “Ero affascinata da Marilyn Monroe, ma anche dall’eleganza meno ostentata di Audrey Hepburn. Brillavano di luce propria e mi catturavano“.

Violante ama molto cambiare look, non solo per esigenze lavorative, e nel corso degli anni l’abbiamo vista con i capelli rossi, più lunghi e con i boccoli, ma anche con capelli corti neri. Viva il trasformismo!

Inseriamo qualche immagine tratta dallo shooting di Violante con noi a Montecarlo.

In questo articolo VIOLANTE PLACIDO in alcuni scatti by ROP.

Styling: Rosanna Trinchese

Hair: Roberto Rosini

PH: Amedeo M. Turello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *